martedì , giugno 22 2021
Home / Vini bianchi / Come scegliere una buona bottiglia di vino bianco
vino bianco

Come scegliere una buona bottiglia di vino bianco

Forse non tutti lo sanno, ma i migliori vini bianchi hanno una storia antichissima: sono prodotti da circa 2500 anni. Si proprio così.

Vengono realizzati con uve bianche ma in alcuni casi si possono utilizzare anche uve rosse, a patto che vengono rimosse le bucce.

I vini bianchi si contraddistinguono da quelli rossi per il processo di vinificazione, infatti nel caso del vino bianco, la fase della macerazione non sussiste, poiché vinacce e mosto entrano direttamente in contatto.

Solitamente si bevono giovani e vengono consumati entro due o tre anni dalla vendemmia. Inoltre rispetto ai vini rossi, presentano una gradazione inferiore e proprio in virtù di quanto detto che sono particolarmente gradevoli anche in estate.Per quanto concerne il sapore, è fruttato e floreale, e grazie a queste caratteristiche appena citate i vini bianchi vengono considerati più leggeri rispetto a quelli rossi.

Ma detto questo, come scegliere i vini bianchi?

Facciamo un po’ di chiarezza al riguardo:

La prima cosa che bisogna fare è quella di documentarsi sul vino che si vuole acquistare, ponendo un occhio di riguardo alla provenienza geografica e ovviamente alle uve che lo compongono.

Poi un altro aspetto da considerare è l’occasione per la quale si andrà a consumare il vino: quello bianco è ideale per accompagnare pranzi e cene particolarmente leggere.

Per scegliere il vino con maggiore consapevolezza è fondamentale leggere l’etichetta, poiché su di essa sono presenti tutte le informazioni di cui si necessita.

Anche se non si è esperti di vini poco importa, leggendo l’etichetta si riuscirà ugualmente a comprendere le caratteristiche del vino e fare dunque, una scelta consapevole nel momento dell’acquisto.

Le informazioni riportate sono le seguenti:

  • il nome del vino: viene indicato la zona geografica e la sua provenienza;
  • l’imbottigliatore: viene menzionato il nome del produttore, la ragione sociale e la sededell’azienda;
  • la gradazione alcolica;
  • quantitativo del prodotto: può essere espresso in millilitri, centilitri o litro;
  • lotto di appartenenza del vino: evidenzia la data di imbottigliamento del vino;
  • la provenienza geografica.

Generalmente sulle etichette vengono descritte anche i pregi e le qualità di un vino, alcuni piccoli suggerimenti per servirlo correttamente a tavola nonché alcuni consigli su come abbinarlo con le varie pietanze, ma se volete saperne di più sui vini italiani potete consultare la vasta scelta dell’enoteca online Bibentes.

Vini bianchi: gli utilizzi in cucina

Il vino è un ottimo prodotto da aggiungere in alcune pietanze al fine di renderle più gustose e saporite.  Per la preparazione è consigliabile utilizzare vini novelli o giovani. Il vino bianco in particolar modo, è maggiormente utilizzato per aromatizzare le carni bianche, le verdure, le zuppe, il pesce ma anche per rendere più succulenti alcuni dolci.

È bene stare attenti però ad un piccolo accorgimento: nel momento di servire la pietanza a tavola è fondamentale accompagnarla con lo stesso vino utilizzato in precedenza.

Check Also

Gli effetti del vino “pulito” sulla pelle

Il movimento “clean” entra anche nel mondo dell’industria vinicola. Ma cos’è il movimento “clean”? E ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *