lunedì , settembre 28 2020
Home / Vini bianchi / Processo produttivo e regole d’oro per produrre un ottimo vino bianco

Processo produttivo e regole d’oro per produrre un ottimo vino bianco

Come viene prodotto il vino bianco?

Tutti noi siamo soliti consumare vino bianco durante i pasti, ed è normalissimo vederlo esposto anche in negozio; ma ci siamo mai chiesti come viene preparato? Quali sono le regole d’oro da seguire per un vino perfetto? Andiamo a scoprirlo insieme passo per passo.

Innanzitutto è la vinificazione il processo attraverso il quale si produce il vino e comprende tutte le fasi che il mosto attraversa fino a trasformarsi in vino.

La vinificazione varia a seconda della materia prima, uva bianca o nera, nonché in base al vino che vogliamo ottenere: secco, semi-secco, semi-dolce, dolce.

La qualità del vino che arriva sulla vostra tavola dipende dal modo in cui questo processo ha luogo, e ognuna di queste fasi deve essere osservata al fine di ottenere un vino di qualità, indipendentemente dalla varietà o dal colore.

Il processo di vinificazione inizia con il mosto, ma quando parliamo di produzione vinicola, dobbiamo iniziare dalla cura della vigna.

L’uva, la materia prima del vino, prende dal suolo tutte le sostanze necessarie per crescere e queste sono impresse sul vino, anche se il frutto attraversa così tante fasi fino a raggiungere il bicchiere.

È estremamente importante, quindi la base del vino, cioè la vite e il suo frutto, che svolgono lo stesso ruolo delle fondamenta di una casa.

Quando inizia la raccolta dell’uva destinata alla produzione di vino bianco?

Non esiste necessariamente una data di calendario per la raccolta dell’uva. Il periodo giusto per la raccolta dipende dalla varietà, ma anche dalle condizioni meteorologiche o dall’orientamento verso i punti cardinali, usanza di molti paesi.

Viene anche monitorato il livello di zucchero dell’uva, nonché la maturità fenolica, data, ad esempio, dal colore e dal gusto della buccia o dei semi dell’uva, dall’acidità, dal pH, ecc.

Idealmente, la data del raccolto viene impostata utilizzando un rifrattometro, che mostra la quantità di zucchero nell’uva.

Quando il livello di zucchero nei cereali non aumenta per 2-3 giorni consecutivi, le uve possono essere raccolte.

È anche molto importante monitorare il potenziale alcolico. In generale, da 17 grammi di zucchero deriverà dalla fermentazione un grado alcolico, quindi per produrre un vino con titolo alcolometrico tra 12 e 15 gradi, dovremo raccogliere uve con un contenuto di zucchero tra 204 e 255 g / l .

Un altro indizio che suggerisce che possiamo raccogliere la vite è la pesatura dei grani: quando il peso di 100 grani ha raggiunto i valori massimi, possiamo iniziare la raccolta.

Come molti di noi sanno già, queste condizioni sono generalmente soddisfatte in autunno, nella seconda decade di settembre.

Dopo la vendemmia o durante la vendemmia, viene intrapresa un’altra fase fondamentale per ottenere un buon vino: la selezione delle uve e l’eliminazione dei frutti che presentano tracce di muffe o malattie specifiche della vite, come farina, marciume, ecc.

Per un vino di qualità la vite deve essere sana, non si utilizzano uve con tracce di deterioramento se si vuole ottenere un vino di alta qualità.

Le regole d’oro per la produzione di un vino perfetto

Un buon vino bianco, come qualsiasi buona bevanda o prodotto di qualità, viene prodotto seguendo alcune rigide regole, che porteranno a un risultato soddisfacente sia per il produttore che per l’assaggiatore.

Vengono utilizzate solo uve mature, ecco perché il momento della vendemmia è un elemento importante, perché solo le uve mature, con un alto livello di zucchero, possono dare un vino gustoso e aromatico.

Le botti vengono lavate molto bene prima che il vino sia conservato al loro interno. Una regola estremamente importante che viene spesso evitata o non seguita in modo sufficiente nel caso dei vini fatti in casa; può fare la differenza tra un vino con un sapore speciale e uno con un odore sgradevole, di scarsa qualità.

Si usano strumenti di plastica, legno, acciaio inossidabile, niente di ferro. Dai secchi agli strumenti come i cilindri dei frantoi, tutti questi elementi devono essere di legno, acciaio inossidabile o plastica, mai ferro.

L’uso di strumenti di ferro porta alla cosiddetta “demolizione” del vino, caratterizzata dalla doratura della bevanda e da un sapore arrugginito.

Check Also

vini campani

I migliori vini della Campania

Nel corso degli ultimi decenni il vino in Italia è cambiato tantissimo. Non stiamo parlando ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *