martedì , settembre 21 2021
Home / Vini bianchi / L’Etna, il vino DOC siciliano: caratteristiche e proprietà
Vino Etna Rosso DOC

L’Etna, il vino DOC siciliano: caratteristiche e proprietà

Le origini

Quando si parla dell’Etna, si tocca uno dei vini storici siciliani. Creato nel 1968 in Sicilia, nello specifico in provincia di Catania, l’Etna è un vino a denominazione d’origine controllata prodotto sotto varie forme.

Nato sotto le pendici del vulcano che supera i 3000 metri di altezza, l’Etna DOC è un’istituzione tra i vini siciliani: addirittura la sua nascita è anteriore rispetto al vino più famoso di Sicilia: il Marsala.

Tipologie

Sono presenti infatti tre tipologie di questo vino siciliano:

  • Etna Rosso DOC;
  • Etna Bianco DOC;
  • Etna Rosato.

I vitigni di derivazione

Ogni tipologia di Etna ha un suo vitigno di derivazione specifico, da cui è nata e cresciuta la fortuna del marchio di origine controllata.

Ecco, di seguito, i vitigni da cui deriva il vino Etna che arriva sulle nostre tavole.

Etna Rosso DOC

L’Etna rosso di origine controllata deriva da uve provenienti da due vitigni:

  • il Nerello Mascalese, che ha la massima prevalenza;
  • il Nerello Cappuccio, noto anche come Nerello Mantellato.

Il mix tra le uve è di circa 80-20 in favore del Nerello Mascalese, ma è facile trovare un Etna Rosso DOC composto al 100% da uve provenienti dal Mascalese.

Etna Bianco DOC

L’Etna Bianco DOC è composto a partire dall’uva proveniente dai seguenti vitigni:

  • Carricante, che ha la prevalenza sul resto del composto;
  • Catarratto, uva bianca molto diffusa in Sicilia;
  • Trebbiano;
  • Minnella.

La percentuale di presenza del Carricante è del 60% e domina su tutte le altre uve.

Etna Rosato

Esiste poi un vino Etna Rosato rientra anch’esso tra i vini con denominazione di origine controllata.

L’Etna DOC rosato è composto a partire dalle seguenti uve:

  • Nerello Mascalese;
  • Nerello Cappuccio

Caratteristiche organolettiche

Il vino rosso dell’Etna ha un’elevata gradazione alcolica che parte da una base di 12,5° e può salire in maniera consistente. Ha un colore rosso rubino che si accompagna ad un profumo intenso e al caratteristico sapore secco. Può presentare con l’invecchiamento dei riflessi granati o rosati.

Il bianco DOC dell’Etna ha una minore gradazione alcolica, la quale si attesta tra i 10° e i 12° ed è l’ideale per accompagnare antipasti e piatti di pesce. Di colore giallo paglierino, l’Etna è un bianco vinoso dal sapore e dal profumo intenso.

L’Etna rosato ha il tipo colore Rosa cerasuolo, intenso e come tutti i vini della denominazione Etna DOC ha un profumo intenso e caratteristico e un sapore secco e armonioso.

Gli abbinamenti

Per il vino rosso, dalla gradazione più elevata, consigliamo un abbinamento con carni rosse, formaggi a lunga stagionatura e salse complesse e strutturate.

Per l’Etna DOC Bianco consigliamo di accompagnarlo con piatti di pesce, antipasti e cibi poco complessi.

 

 

 

 

Check Also

Gli effetti del vino “pulito” sulla pelle

Il movimento “clean” entra anche nel mondo dell’industria vinicola. Ma cos’è il movimento “clean”? E ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *